Copy

Newsletter della STSN 03/2017

View this email in your browser
Società ticinese di scienze naturali

Newsletter

1. marzo 2017

Gli appuntamenti di marzo

Proseguono gli appuntamenti del ciclo di incontri sul tempo. Questo mese al centro dell'attenzione ci sono l'evoluzione, il cervello e la cosmologia.


Lunedì 6 marzo 2017 – ore 20:30 – Auditorium USI, Lugano
IL TEMPO DELL'UMANITÀ – Il lungo percorso dell’evoluzione dell’uomo
Telmo Pievani, evoluzionista, Università di Padova 

Le sorprese, nel campo degli studi sull’evoluzione umana, non finiscono mai. Se l’origine della vita è ancora per molti versi un mistero, ancora più affascinante rimane il mistero della comparsa e dell’evoluzione della specie umana. La famiglia ominide fa la sua comparsa in un luogo imprecisato del continente africano intorno a 6-7 milioni di anni fa, la specie Homo sapiens, a cui noi apparteniamo, muove i suoi primi passi, sempre in Africa, molto tempo dopo: fra 160 e 200 mila anni fa. Ci sembrano tempi lunghissimi e molto lontani eppure, confrontati all’età della Terra, il tempo dell’umanità è davvero un piccolo istante di un lungo percorso evolutivo partito da una forma semplicissima di vita ed arrivato fino ad un organismo complesso chiamato essere umano. Ma quali sono le nostre origini?


Giovedì 16 marzo 2017 – ore 20:30 – Auditorium USI, Lugano
IL TEMPO DEL CERVELLO – Come facciamo a percepire il tempo?
Arnaldo Benini, neurologo e neurochirurgo

Che cosa è il tempo? Come facciamo a percepirlo? E come fa il nostro cervello a misurarlo? Arnaldo Benin, autore del recente libro “Neurobiologia del tempo” (Raffaello Cortina editore) scrive che i biologi hanno scoperto che tutti gli esseri viventi dotati di sistema nervoso, anche semplice, hanno il senso del tempo. La natura cerebrale del senso del tempo è confermata dalla sua alterazione, fino alla scomparsa, a causa di lesioni del cervello, di cui nel libro e durante la conferenza si porteranno diversi esempi. Noi sentiamo trascorrere il tempo, siamo esseri viventi che ci posizioniamo in continuazione dentro un concetto di passato-presente-futuro. Quello che siamo noi ora, nel presente, è un intreccio tra un vissuto passato e le nostre proiezioni nel futuro. Questa linearità ci definisce, ma forse è solo il frutto di un’illusione? E possibile identificare una struttura nel nostro cervello capace di misurare il tempo?

Appuntamento realizzato in collaborazione con la Settimana del cervello in Ticino


Lunedì 27 marzo 2017 – ore 20:30 – Auditorium USI, Lugano
IL TEMPO NELL'UNIVERSO – Come cambia e come appare il tempo nel cosmo?
Roberto Trotta, cosmologo, Imperial College of London

Il tempo è un concetto semplice. È quanto sperimentiamo nella vita di tuti i giorni. Abbiamo un orologio al polso e vediamo trascorrere i secondi. Il lavoro inizia alle 8.00 e finisce alle 18.00. Anche quando viaggiamo in treno o in auto il tempo c’entra: ci dicono che il nostro mezzo di trasporto viaggia a 100 km all’ora. Spazio fratto tempo è la velocità. È un concetto famigliare, semplice, intuitivo. Ma poi un giorno arrivò Einstein e ci disse che in verità, le cose non stanno sempre così. Legò dapprima il concetto di tempo con quello di spazio, ma poi ci disse anche che il tempo può cambiare. Alle velocità prossime a quelle della luce un secondo non dura sempre un secondo. Sembrano intuizioni fantasiose, ma dalla formulazione della teoria della relatività ad oggi, le idee di Einstein hanno raccolto solo conferme. Che cos`è quindi il tempo se lo leggiamo dentro il concetto di universo?

Appuntamento realizzato in collaborazione con la Società Astronomica Ticinese e Astrocalina


Il programma annuale completo, con tutti gli appuntamenti (conferenze, escursioni, corsi, seminari, vacanze scientifiche) è consultabile sul nostro sito.



CONFERENZA PUBBLICA
Martedì 7 marzo 2017 – ore 20:00 – Agroscope, Ramél 18, Cadenazzo
L'EPIDEMIA DI CINIPEDE DEL CASTAGNO AL SUD DELLE ALPI: SITUAZIONE ATTUALE E IMPATTO SUI NOSTRI CASTAGNETI
L’epidemia di cinipide del castagno al Sud delle Alpi: situazione attuale e impatto sui nostri castagneti

Il cinipide del castagno è un Imenottero originario della Cina che attacca praticamente tutte le specie del genere Castanea. Arrivato nel sud del Ticino nel 2007, il cinipide ha colonizzato in pochi anni tutto l’areale castanile al Sud delle Alpi. In Ticino nei primi anni l’epidemia ha avuto un’evoluzione esponenziale, ma si è poi arrestata grazie all’arrivo nel 2013 del suo parassitoide naturale. Nell’ambito della conferenza verrà ripercorsa la dinamica dell’epidemia al Sud della Svizzera, evidenziando i meccanismi di difesa del castagno, le conseguenze per i boschi e per l’economia di questo albero.

Altre segnalazioni



PERCORSO INTERATTIVO
Dal 6 marzo al 12 aprile – Ascona
BRAINGAME – SFIDA IL TUO CERVELLO
È possibile sdraiarsi sul letto di un fachiro? Come funzionano le illusioni ottiche? Come mai quando ci si punge si prova dolore?

L’ideatorio dell’Università della Svizzera italiana propone, nell’ambito di Asconosc(i)enza, il percorso interattivo “BRAIN-GAME: sfida il tuo cervello”. Grandi e piccoli saranno invitati a mettere in gioco le proprie abilità sensoriali. Un viaggio virtuale all’interno di un enorme cervellone gonfiabile permetterà poi di scoprire i meandri dell’organo più misterioso del nostro corpo.
Il percorso è aperto dal 6 marzo al 12 aprile: al pubblico durante il weekend, alle scuole in settimana (prenotazione obbligatoria).

UN PONTE TRA SCIENZA E SOCIETÀ

Fondata nel 1903, la Società ticinese di Scienze naturali (STSN) è il punto di riferimento di tutti gli interessati agli aspetti scientifici del territorio ticinese e, più in generale, al vasto ambito delle scienze naturali. La STSN è affiliata all'Accademia svizzera di scienze naturali (Scnat)

     
     
Copyright © 2017 STSN, All rights reserved.


Vuoi cambiare le modalità di ricezione di questa newsletter?
Puoi aggiornare le tue preferenze oppure cancellare la tua iscrizione da questa newsletter

Email Marketing Powered by Mailchimp